Educazione Ambientale - Servizio Scuola

Decreto per la celebrazione nazionale della Festa degli Alberi

Decreto Interministeriale tra il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ed il Ministero della Pubblica Istruzione

CONSIDERATA l'importanza che la formazione nel settore agricolo, ambientale, forestale e alimentare ha acquisito nel quadro di accordi internazionali sottoscritti dalla Repubblica italiana;
CONSIDERATE la necessità di salvaguardare le risorse fitogenetiche del Paese, con particolare riguardo alle cultivar di specie arboree da frutto e forestali autoctone, in pericolo di estinzione anche per la forte incidenza degli incendi boschivi che annualmente depauperano gravemente il patrimonio agro-forestale italiano e l'opportunità di sensibilizzare i giovani d'età scolare alle suddette tematiche;
VISTA la vocazione agricola del Paese e la necessità di promuovere una cultura dell'agricoltura sostenibile che consenta la salvaguardia dell'ambiente rurale e del paesaggio in coerenza con la programmazione didattico-formativa;
VISTA la tradizione di festeggiare, nelle scuole italiane, la "Festa degli alberi", già oggetto di regio decreto 2 febbraio 1902 e di successive circolari e raccomandazioni dei Ministeri dell'Agricoltura e Foreste e della Pubblica Istruzione;
VISTO l'articolo 104 del Regio Decreto 3267 del 30 dicembre 1923 "Riordinamento e riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani", che istituisce la "Festa degli alberi";
DECRETA
Art.1 - Il 4 ottobre ed il 21 marzo di ogni anno è celebrata la "Festa degli alberi", cui possono partecipare tutte le istituzioni scolastiche.
Art.2 - Nella ricorrenza di cui all'art.l, le istituzioni scolastiche che ne diano la disponibilità celebrano, anche d'intesa tra di loro, la Festa degli alberi, che rientra nell'ambito dell'offerta formativa.
Art.3 - La celebrazione della Festa degli alberi si incentra, in particolare, sull'importanza delle specie arboree quale elementi fondamentali ed irrinunciabili per raggiungere un sano equilibrio tra comunità umane e ambiente naturale ed agricoltura secondo i principi della conservazione della biodiversità vegetale e della corretta gestione del territorio e delle aree rurali, nonché della conoscenza dei prodotti dei boschi e degli alberi.
Art.4 - Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali di intesa con il Ministero della Pubblica Istruzione e con altri Ministeri eventualmente interessati, anche avvalendosi del Corpo Forestale dello Stato e degli Istituti di ricerca operanti nel settore, collabora con le istituzioni scolastiche per sviluppare nella scolaresca una più approfondita conoscenza dei settori agricolo, ambientale, forestale ed alimentare attraverso progetti formativi con obiettivi specifici e iniziative di informazione dei prodotti dei boschi e dei frutti degli alberi.
Art.5 - Le istituzioni scolastiche reperiscono le piantine di specie forestali e fruttifere autoctone, con particolare riferimento alle varietà e cultivar tradizionali dell'ambiente agro-forestale italiano, da mettere a dimora in occasione della celebrazione della Festa degli alberi in aree pubbliche individuate d'intesa con i comuni interessati, I capi di istituto possono a tal fine stipulare accordi con il Corpo Forestale dello Stato per la necessaria assistenza tecnico-logistica.
Art.6 - Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali predispone un elenco delle varietà e cultivar di cui all'art.5
Art.7 - Qualora ricada in una giornata non destinata alle attività didattiche, la celebrazione è posticipata al primo giorno utile di frequenza scolastica.

Roma, lì 4 agosto 2000
Il Ministro della Pubblica Istruzione
Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali