CLUB ALPINO ITALIANO

Commissione Escursionismo d'Abruzzo

 

INCONTRO 
degli  ACCOMPAGNATORI d'ESCURSIONISMO
d'ABRUZZO 

13 dicembre 2003  

Caramanico
Parco Nazionale della Majella 

 

 
 

 RITROVARSI  IN  MONTAGNA
di Filippo Di Donato

La giornata è stata singolare in ambiente e proficua nella riunione. L’incontro a Caramanico, ammantato di neve, sembrava non promettere niente di buono in montagna, con le nuvole basse sparse nel vallone tra Maiella e Morrone, che nascondevano la bellezza delle montagne e della Valle dell’Orfento
per ingrandireUn po’ alla volta tutti gli Accompagnatori si sono ritrovati, colorati e festosi, in ogni caso contenti di rivedersi.
Presenti n. 29 AE delle Sezioni Cai di: Avezzano, con la Sottosezione di Tagliacozzo,   Chieti, Civitella Roveto, Guardiagrele, L’Aquila, Ortona, Pescara, Penne, Popoli e Teramo.  Viene presa la decisione di salire fino la passo per ingrandire S.Leonardo dove lasciare le macchine per cominciare l’escursione. Un’aspettativa sofferta per le nuvole sempre più dense ed umide mentre le macchine arrancavano sui tornanti. Sul passo non si vede nulla, il tempo per un rapido caffè e poi, avvolti nella nebbia, verso il bosco sulle pendici del Morrone. In tutti la voglia di camminare, interessati ad orientarsi anche in quelle difficili condizioni. Tanto ottimismo viene però premiato e in prossimità del bosco, le  nuvole cominciano a diradarsi offrendo alla vista una superba Majella luminosa per la neve. Gli sguardi corrono veloci ai ripidi canaloni, lungo la direttissima al Monte Amaro. Si prosegue lungo il bosco, fino a superare il bosco. Momenti di contemplazione e di sorrisi per poi tornare indietro e ritrovarsi a Passo per ingrandire S.Leonardo ancora avvolti da nuvole.  E’ stata proprio una finestra di sole e neve che le montagne del Parco nazionale della Majella hanno voluto regalato agli AE, riconoscenti ad un ambiente che sentono amico.
Nel pomeriggio il Convegno a Caramanico, con le comunicazioni eper ingrandire le riflessioni degli AE, avviate da Fabio Bussi, presidente della Commissione Escursionismo d’Abruzzo, che nel salutare i presenti, ha anticipato la necessità di una forte intesa tra gli AE  nelle attività  del 2004, con riferimento alle escursioni intersezionali; Gianni D’Attilio,  salutato calorosamente anche per la recente riconferma nazionale nella CCEscursionismo, esprime  la disponibilità a sostenere ogni proposta ed attività degli AE nella formazione ed per ingrandire elenca gli AE d’Abruzzo che, avendo partecipato a specifico corso, hanno conseguito la competenza ad operare nell’ambito della difficoltà escursionistica classificata EAI (escursionismo in ambiente innevato). Inoltre la raccomandazione all’accordoper ingrandire ed al dialogo tra Sezioni, indispensabili nell’esteso Convegno Cmi. Interviene quindi  Filippo Di Donato, portando il saluto di Eugenio Di Marzio, presidente  della Delegazione Abruzzo e riferendo delle modifiche statutarie approvate all’Assemblea straordinaria dei Delegati a Verona, con il ruolo emergente delle Delegazioni e la necessità di conservare e rafforzare l’identità delle montagne dell’Appennino, processo che si fonda su intese e rapporti con le aree protette istituite sostanzialmente lungo tutta la dorsale montuosa. Informa dell’avvenuto riconoscimento da parte della Regione Abruzzo, del Centro di per ingrandire Educazione Ambientale “gli aquilotti”, come centro del Cai di interesse regionale secondo l'art. 10 della L.R. 122/99 "disciplina degli interventi in materia di educazione ambientale".  Nel rapporto con i Parchi due possibilità operative, d’intesa con la Delegazione Abruzzo: la prima raccogliendo come AE, le annuali proposte escursionistiche sezionali da presentare con un programma unico del Cai nei confronti dei rispettivi Parchi per la migliore visibilità di finalità e ruolo del Cai; la seconda, avviando l’applicazione del Software Catastoper ingrandire Sentieri e Luoghi  (per il cui utilizzo D’Attilio ha promosso a Pescara, nello scorso novembre, l’attuazione di un Corso  per il Cmi ed il Ter) sul tratto abruzzese del CamminaItalia che, interessando tutti i Parchi, dal 1995 (con la prima fortunata esperienza del CamminItalia)  è stato chiamato
il grande sentiero verde dei parchi abruzzesi e nel suo sviluppo ad anello interessa ogni Sezione Cai che viene quindi coinvolta sia nell’innovazione sia nell’immagine d’insieme offerta dal Cai. Conclude gli interventi previsti per ingrandire Bruno Marconi, sui temi dell’aggiornamento e della formazione, soffermandosi sul valore dei Corsi di Escursionismo e sulle modalità per armonizzare le attività svolte nelle varie sezioni, curando, nel rispetto delle specificità territoriali, ambiti comuni per livello tecnico e culturale. Dai molti interventi  degli AE, confermando il valore dell’incontro, emerge la disponibilità a lavorare insieme perper ingrandire l’attuazione di quanto prospettato con l’esigenza di migliorare il livello di comunicazione, per una più puntuale circolazione delle informazioni e, raccogliendo la richiesta, il presidente Bussi, è pronto ad assumersi questo impegno, anche con l’aiuto della posta elettronica. Agli AE sono state anticipate le pagine  del Cai...lendario 2004 "Luci ed Ombre" della Sezione Cai di Teramo (molto apprezzate le particolari immagini di montagna)  con la Mostra sul Camoscio d'Abruzzo ed i pannelli sull'Escursionismo. Calorosi gli abbracci finali, con lo scambio di auguri e la possibilità di incontrarsi, alla festa dell’alpino sulla neve, il 10 e 11 gennaio 2004 a Pietracamela - Prati di Tivo, per delle escursioni in ambiente innevato.

 

 
  per ingrandireper ingrandire  
  per ingrandireper ingrandire  
  per ingrandireper ingrandire